….Mila, la bambina sorpresa a rubare nel suo negozio e dopo qualche giorno salvata dalle angherie di uno zio che la sfrutta solo per denaro… Peccato che subito dopo essere stata salvata Mila va a finire in un orfanotrofio, ma uno di quegli orfanotrofi inferno, dove esistono solo abusi, soprusi, violenze, digiuni e botte.
…In una settimana meravigliosa Mila e Luisa si raccontarono tutto. Mila, scappata di casa, era finita nelle grinfie di personaggi, che l'avevano buttata sulla strada, per chiedere l'elemosina e per prostituirsi. Poco cibo, sofferenze fisiche e psichiche, e, se non portava abbastanza soldi, botte. Insomma, un inferno. Luisa l'aveva tolta dalle grinfie dello zio, aveva poi pensato che avesse trovato il benessere e invece era finita peggio.
…Arrivata, accaldata, si recò di corsa nella sala d'aspetto dove avvenivano gli incontri con Mila, ma lei non c'era ancora.
La suora le venne incontro. "Buongiorno suora, forse Mila sta poco bene?"
"Mila sta bene, ma devo darle una brutta notizia. Mila è appena partita per la Romania."
"Ma come? Non è possibile così, all'improvviso, senza neanche avvertirmi!"
"Come avete fatto a lasciarla andar via? E dove di preciso?"
"Non lo sappiamo. Non hanno voluto dirlo neanche a noi! Ci hanno spiegato che è per tutelare la bambina. Suo zio, prima o poi, potrebbe rintracciarla."
Luisa si sentì morire. Si, è vero, era passato del tempo. Ma ormai era così lontana l'idea di non rivederla più! E invece era accaduto. Lacrime cocenti le scesero sulle guance. Un dolore immenso l'attanagliò. Non l'avrebbe più rivista. Ne era convinta. Mai più!

…Cara Mila, non puoi immaginare il dolore che ho provato quel pomeriggio che non ti ho trovata più. Credimi. Io non sapevo niente e neanche la suora ha saputo dirmi dove ti avevano portata. Solo dopo tante e faticose ricerche, sono venuta a conoscenza del posto in cui vivi.
Come stai? Sei contenta? Ti trovi bene? Io mi auguro di si.
Verrò a trovarti presto. Io conto i giorni. Aspettami!
Intanto continuerò a scriverti, per tenerti compagnia.
Baci! Ti voglio un sacco di bene!
La tua Luisa.
Spedì quella lettera con tanta gioia, e ansia.
Passavano i giorni e non riceveva alcuna risposta.
Cominciò a dubitare che Mila si trovasse in quell'orfanotrofio. La delusione più forte fu quando le tornarono indietro tutte le lettere che aveva scritto. Cosa significava?

Dal libro di Rossana Moggia – In cerca di Mila –

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.